Version
Download20
Stock
Total Files1
Size16.81 MB
Create Date30 Novembre 2020
Last Updated11 Giugno 2018

La legge regionale n. 21/2003 tende a regolamentare lo sviluppo dell’attività di escursionismo (art. 2) “attività turistica, ricreativa e sportiva, che... si realizza fuori dei centri urbani, ...senza l’ausilio di mezzi a motore”. Tale definizione è analoga a quelle di “mobilità lenta” e “mobilità non motorizzata” già in uso nella letteratura di settore.

Nel contesto specifico, è opportuno considerare nella pratica dell’escursionismo le seguenti attività:

1. quelle a carattere pedonale come il trekking
e l’escursionismo propriamente detto;
2. quella legate all’uso della bicicletta, sia su strada asfaltata (percorsi promiscui ciclabili e veicolari) che su pista in terra
battuta (mountain biking);
3. quella legata all’uso di animali da trasporto
(cavalli o muli).

Queste diverse forme di percorrenza possono essere realizzate con percorsi giornalieri (ad anello o che prevedono una andata e ritorno) o in forma itinerante soggiornando ogni giorno in una diversa località (trekking).

L’escursionista ricerca un ambiente puro, intatto, nel quale dedicarsi alla contemplazione del paesaggio. Non è affatto in contraddizione con tale aspetto la ricerca del contatto con la popolazione locale, l’attenzione alla conoscenze delle usanze e tradizioni, la ricerca di segni storici della presenza dell’uomo.
Un’altra motivazione importante è la ricerca del benessere fisico, aspetto nel quale spazi e cibi sani si coniugano con la pratica sportiva. Tale motivazione è particolarmente sentita dalle donne e dalle fasce di età superiori. Sia nelle forme itineranti, che negli altri casi, ed in particolare per coloro che si muovono con i mezzi pubblici (moltissimi stranieri, i bikers che non rinunciano al proprio mezzo e lo trasportano in treno o aereo) un particolare ruolo è svolto dai luoghi di sosta. La ricettività per gli escursionisti prevede accanto ai servizi tradizionali (hotel, pensioni, residence) numerose altre forme legate anche ai luoghi frequentati e alla necessità di custodire e provvedere ai mezzi per la progressione (cavalli, biciclette).

 


FileAzione
Linee_Guida_Sentieristica_Pugliese.pdf  Download  

Download