Con la partecipazione all’assemblea nazionale del 13 maggio 2018, la Fondazione Parco ha formalmente aderito alla rete di volontariato internazionale FOCSIV.

Istituita nel 1972, FOCSIV ha impegnato oltre 20.000 volontari internazionali che hanno messo a disposizione delle popolazioni più povere il proprio contributo umano e professionale: un impegno concreto e di lungo periodo in progetti di sviluppo nei settori socio-sanitario, agricolo-alimentare, educativo-formativo, di tutela dell’infanzia e dell’adolescenza, di difesa dei diritti umani e della parità di genere, di rafforzamento istituzionale.
Oggi ne fanno parte 84 Organizzazioni che operano in oltre 80 Paesi del mondo.

UN MONDO DI GIUSTIZIA, DI PACE E DI FRATERNITÀ TRA LE COMUNITÀ E I POPOLI. UN MONDO DA COSTRUIRE INSIEME, NEL RISPETTO DEL CREATO, NEL QUALE OGNI PERSONA, POSSA REALIZZARSI IN PIENA DIGNITÀ.

Parallelamente, la Federazione promuove in Italia campagne di sensibilizzazione e di educazione allo sviluppo e compie un intenso lavoro di lobbying istituzionale per promuovere la giustizia sociale per tutti gli uomini e le donne del pianeta.

Tra le principali iniziative della Federazione ci sono la Campagna “Abbiamo RISO per una cosa seria“, storica iniziativa di sensibilizzazione e raccolta fondi a sostegno dell’agricoltura familiare; il “Premio del Volontariato Internazionale“, riconoscimento che FOCSIV promuove ogni anno, dal 1994, in occasione della Giornata Mondiale del Volontariato indetta dalle Nazioni Unite che ricorre il 5 dicembre; la SPICeS, Scuola di perfezionamento post-laurea sulle tematiche della politica internazionale e della cooperazione allo sviluppo, fondata nel 1991.

Il direttore della Fondazione, Federico Massimo Ceschin, ha presentato all’Assemblea dei Soci la realtà del Parco Culturale Ecclesiale e, in particolare, della Carta di Leuca.

Il presidente FOCSIV, Gianfranco Cattai, ha salutato positivamente l’adesione ricordando che “FOCSIV è luogo di espressione di soggetti della società civile impegnati nel volontariato, nella solidarietà e nella cooperazione internazionale; costruisce reti, relazioni e opportunità; accoglie e promuove la sfida culturale per il cambiamento e per incidere nelle politiche volte a costruire una società rispettosa dei diritti umani, equa e inclusiva, a livello globale e locale“.