Incontro CEI sul Mediterraneo a Leuca: un “PeaceMob” con 800 bambini

Un “PeaceMob” per lanciare un messaggio di pace sul Mediterraneo. L’appuntamento, organizzato dalla Fondazione Parco “De Finibus Terrae”, promossa dalla diocesi di Ugento-S. Maria di Leuca, si è svolto mercoledì 12 febbraio sul piazzale del santuario di Santa Maria di Leuca.

Protagonisti di “PeaceMob – Mediterraneo, frontiera di pace” saranno gli 800 alunni delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado dell’istituto comprensivo “V. De Blasi” di Gagliano del Capo e di Castrignano del Capo, che parteciperanno con l’orchestra scolastica, il coro e le coreografie e con l’orchestra giovanile del Conservatorio “T. Schipa” di Lecce.

A offrire l’occasione per il “PeaceMob” è l’incontro dei vescovi del Mediterraneo che si terrà a Bari, dal 19 al 23 febbraio, a cui parteciperà anche Papa Francesco. L’iniziativa nasce per sensibilizzare l’attenzione pubblica non solo sull’evento di Bari, ma anche sul Mare nostrum, con tutte le sue potenzialità di convivialità, ma anche con tutte le sue contraddizioni di conflitti. Cantare al mare la canzone “Freedom”, spiritual gospel, amata da don Tonino Bello, significherà cantare al cuore del Mediterraneo e dei popoli da esso bagnati, che la pace è la vera premessa per la libertà e per un futuro di fraternità universale, dove il dono e il perdono abbiano l’ultima parola sull’egoismo e sul conflitto.

Al singolare flash mob parteciperanno il vescovo di Ugento – Santa Maria di Leuca mons. Vito Angiuli, il sindaco di Castrignano del Capo Santo Papa, il presidente della Fondazione Parco Culturale Ecclesiale don Stefano Ancora e Pamela Maria Luigia Licchelli, dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo “Vito De Blasi” di Gagliano del Capo.

 

2020-02-15T21:53:03+01:00

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.